Borse in lana a punto tunisi

Standard

005 Finalmente tra un berretto 003 e l’altro e qualche salto mortale sono riuscita a terminare tutte le borse in lana che ho realizzato con la Lana del pastore. 006 foderate tutte in feltro, con tasca interna con zip,  013 giocando sulle tonalità del fondo e dei manici a spalla 010 molto comodi che ho abbinato.008 i fondi sono tutti corredati con piedini in metallo di supporto, 009 esternamente chiuse da zip 011 . Nella lavorazione a punto tunisi ho giocato sugli unici due colori di questo tipo di lana che ho trovato disponibile in negozio: il grigio e il sabbia 014 012usandoli sia singolarmente sia alternandoli nella lavorazione… E’ una lana non economica, anzi tutt’altro, ma che presenta  una compattezza perfetta per questo tipo di lavorazione a punto tunisi e di impiego per la realizzazione di borse dove, se decidiamo di usare la lana, dobbiamo sceglierne una compatta e voluminosa per far sì che il tipo di lavorazione possa poi risaltare al meglio.

Ne ho realizzate diverse… che ne dite se una la regalo alla mia mamma?

Riposarmi non se ne parla, il tempo stringe e ancora ho molto da fare, oltre al nuovo abbigliamento di Mary Poppins per questo autunno, non mi resta che ancora qualche mese per realizzare il resto delle cose in feltro, quindi vi saluto e mi metto subito al lavoro!!!

Aspettando che Il tempo migliori…

Standard

001 Sembra incredibile ma quest’Estate è proprio strana! Mi alterno tra lana e tessuti di cotone a seconda delle giornate soleggiate o piovose… e, intanto, quasi senza accorgermi sto esaurendo la lana che ormai navigava per l’appartamento tra una stanza e l’altra, 006 sperando che questo inverno avrò riscontro ai mercatini….

Due parole sul “Fatto a Mano”…

Standard

008 In questo periodo instabile, dato che la tanto desiderata Estate non ha nessuna intenzione di decollare, anche il mio umore è altanelante e passa da giornate euforiche grazie a qualche raggio di sole a giornate grigie e funeste come il tempo in questi giorni… Così mi sto dedicando un po’ alla grafica espositiva tramite la quale cerco di condividere con le persone che mi seguono sia qui che nei mercatini, il significato profondo che per me ha l’arte del “Fare a Mano” e il valore del “Lavoro Artigiano” 011 : due ambiti che hanno perso terreno con lo sviluppo industriale da un lato e apprezzamento non solo economico ma soprattutto il significato del pezzo unico che non consente assolutamente la ripetitività dell’opera di puro ingegno artistico.

So che posso sembrare ripetitiva sull’argomento ma mi sta molto a cuore far sì che la gente, soprattutto grazie alla crisi che sta prendendo piede sempre più, si ricreda nel ritornare ai cosidetti “antichi mestieri”, quei lavori che non hanno eguali se paragonati alla produzione industriale che, ormai, ci ha talmente conformati a stereotipi standardizzati che rari sono coloro che riescono veramente ad esprimere la propria personalità e il proprio estro; talmente rari da sembrare quasi degli alieni in questo mondo così uniformato da non riuscire a distinguere le persone le une dalle altre perchè indistinguibili sia nell’essere che nel fare…

Così, nel mio piccolo e tortuoso percorso, sopportando lo scherno di qualche persona ignorante e presuntuosa( scusate ma dovevo dirlo!), affrontando difficoltà economiche non indifferenti ( sono disoccupata in un periodo in cui gli enti competenti quali l’Inps è a corto di liquidi da erogare ai cassaintegrati e faccio i salti mortali per mandare avanti tutto questo…), dovendo sopportare il fatto che io italiana non posso permettermi di aprire un minimo di attività che lo Stato come un avvoltoio affamato mi piomberebbe addosso e vedere che i cinesi( mi duole citarli perchè finiscono sempre per essere il nostro capro espiatoio….) riescono ad aprire i loro laboratori di sartoria ( ormai sono arrivati anche qui nel mio paese) danneggiando l’iter della nostra economia non solo perchè con il loro basso costo tolgono il pane ai nostri ma  anche  perchè hanno orari di lavoro dove non viene rispettata un minimo di pausa pranzo nè l’ orario di lavoro stesso minando pesantemente i principi della nostra Costituzione: è vero che la nostra è una Repubblica fondata sul lavoro ma nel rispetto dell’essere umano che tanto ha lottato per avere un orario di lavoro dignitoso e un salario equo.

013  Così, ritornando sui miei passi, continuerò ad andare avanti poichè credo in quello che faccio, perchè sogno di poter un giorno crearmi qualcosa, perchè nessuno potrà mai farmi cambiare idea su quello che penso e dico, perchè so di avere le capacità dato che da semplice autodidatta ho fino adesso realizzato tutto questo con determinazione e convinzione che si possa fare assolutamente qualcosa per se stessi….

Un sincero grazie a tutti!

Berretti in lana unisex

Standard

006 Sia questo che tutti i berretti 001 che presenterò nei prossimi articoli li ho pensati portabili da tutti. Realizzati con punti semplici ma d’effetto 002 come quest’ultimo realizzato a coste 1/1 ritorte( le cui spiegazioni posterò nella nuova pag sui berretti), sono portabili ed abbinabili a qualsiasi abbigliamento, sia sportivo che elegante, abbastanza lunghi per coprire bene collo e orecchie,dai colori autunnali e abbastanza neutri 005. Li troverete tutti esposti nel mio stand nei prossimi mercatini della stagione invernale che verrà.

Ciaoooo!

Berretti, berretti e ancora berretti: per un inverno caldo e coccoloso…

Standard

009 Mentre Garfield si gode il sole sotto l’ombrellone( scusate lo stendino ma fa parte anche quello della vita di tutti i giorni)…004 mentre il meteo avvisa l’arrivo di nuove perturbazioni, ci godiamo intanto queste giornate assolate 018 tra fiori, nasini all’insù e 003 apette in cerca di polline…. camminate all’aria aperta e pomeriggi refrigeranti mentre tra le mani la lana prende la  forma di berretti sperimentando nuovi punti semplicissimi e interessanti 006 … Che dire, aspetto con ansia le vacanze e nell’attesa cercherò di realizzare la maggior parte del lavoro rimasto in sospeso in questo periodo estivo riprendendo in mano  feltro e tessuti…

Shopping Bag: un ritorno a Kandinsky

Standard

022 Lo so sono imperdonabile, ma è più forte di me: vado in negozio con la mia nota spese, faccio un giro disinteressato tra i tessuti e cosa mi trovo davanti agli occhi? Nooooo! Una fantasia che inneggia all’arte contemporanea!!!!! E’ AMORE A PRIMA VISTA.

025 Non ho resistito e, pur di acquistarla, ne ho preso 50 cm e me la sono portata a casa. E’ rimasta sul mio tavolo da lavoro per qualche giorno perchè, abbagliata dalla fantasia, dovevo schiarirmi le idee bene prima di mettermi all’opera.026 Tra bottoni, tessuto e feltro la fantasia dà vita a nuove idee e le mie mani scorrono veloci tra forbici e macchina da cucire…027 I dettagli la arricchiscono senza oscurare la bellezza della fantasia della stoffa ma, al tempo stesso, la personalizzano rendendola molto estiva… 028 La chiusura con zip la rende confortevole….029 Perfettamente portabile a spalla, sicura e molto capiente… io me la porterò in vacanza e sarà la mia borsa per l’Estate! 024

P.S. Se per caso a qualcuno piace la fantasia di questa borsa, ho ancora tessuto per un’altra borsa che, eventualmente, se la si vuole più piccola la posso realizzare….

 

Berretto e scaldacollo: nuovi punti

Standard

012 Ho ricevuto della lana in regalo per cui ho cominciato a sperimentare nuovi punti: così, con un po’ di fantasia e realizzando campioncini di punti scelgo la lana e creo il modello da realizzare: parto da un’idea ma, credetemi, arrivo da tutt’altra parte! A volte questo mi fa sorridere poichè, quello che dovrebbe essere un errore, poi si rivela  una creazione nuova e, quindi, perchè non proporlo come nuovo modello per il prossimo inverno?

013 016  Voi cosa ne dite? Sono sempre modelli unisex, colori portabili sia da ragazze che da ragazzi, da uomini e donne, basta sentirsi in armonia con il modello scelto.

L’Inverno è bello proprio perchè possiamo sfoggiare le nostre creazioni in lana, per non parlare della soddisfazione che si prova nel dire “l’ho fatto io”. Sono tutti modellini e punti semplicissimi, fattibili per tutte le persone alle prime armi e che vogliono creare qualcosa con le proprie mani.

016 A breve metterò il tutorial per realizzare questo modello con il nuovo punto e vi indicherò un ottimo libro( vi consiglio di acquistarlo) di maglia perfetto per le principianti ma anche per chi vuole rispolverare questa bellissima arte, e dove troverete questo e altri punti semplici e divertenti da provare.

A presto!

Pollock e Kandinsky…

Standard

Collage estivoFinalmente il mio Ibisco ha fiorito, splendido nei suoi bellissimi fiori frastagliati, a differenza degli altri Ibisco che trovate nei giardini che sfoggiano fiori ad una sola corolla di petali…

Micino che si fa coccolare smanioso, mentre finalmente il sole torna a troneggiare alto nel cielo dopo mesi di acqua insistente…

Le mie mani percorrono veloci il loro percorso e nuove creazioni prendono vita nei loro colori sgargianti…. Shopping Arte contemporanea così, incontrando certe fantasie nei tessuti, la mia immaginazione vola veloce e la fantasia dà i suoi frutti… Quando ho visto questo tessuto, la fantasia mi ha fatto tornare ai quadri di Pollock e Kandinsky, in un revival artistico non indifferente.

Aggiungendo il feltro in alcune parti ho realizzato un connubio tra due tipi di materiale diverso ma perfettamente equilibrati tra loro, che ben si armonizzano nel corpo borsa.

D’ Estate i colori sono sempre molto belli e, almeno quando c’è il sole, non dovremmo mai perdere l’occasione di indossarli: sono un’ottima terapia contro ogni stato d’animo negativo…

Provateci, magari pian piano se non siete abituati a portarli,e vedrete quanto beneficio ne ricaverete.

 

Furbetto l’orsetto

Standard

005 Ciao bambini, io sono Furbetto l’orsetto e mi troverete insieme a tanti altri amici ai prossimi mercatini dopo le vacanze estive a partire da Ottobre…. Spero ci veniate a trovare in tanti!003 Ci sarà Pinky la maialina rosa, 007 Ettore il cervo e 003 Roberto il segugio fedele, e poi 001  la micia Vanessa, il gufo Guttuso con gli occhietti stralunati, Rossella la coccinella, Maia l’apetta, Ciccio il pulcino, Koa l’orsetto goloso, insomma un amico per ogni bambino che lo accompagnerà nelle fredde giornate invernali…..

Mentre la fantasia farà il suo corso, mentre i progetti riempono la mia testa, le mie mani proseguono veloci e instancabili come sempre….

Berretti colorati per i bambini!

Standard

009 E poi non dimentichiamoci dei piccoli! Berretti colorati per tutti, piccoli folletti birbanti correranno felici tra gli alberi della foresta indossando i loro caldi berrettini, alla ricerca di fatine luminose che svolazzano leggiadre tre i rami, illuminando la notte mentre aspettano che la luna pian piano rischiari l’oscurità irradiando luce ovunque…. Così la mia fantasia scorre leggera immedesimandomi nei loro pensieri per soddisfare i loro sogni creando caldi e morbidi berretti e manicotti e sciarpette per affrontare l’inverno….