La Tracollina in jeans!

Standard

TRACOLLINA JEANS Disegnare cartamodelli per borse sviluppando le idee che mi frullano per la testa è una delle cose che mi appassiona e che mi ha portato ad aprire questo blog soprattutto per conoscere altre persone amanti dell’handmade in tutti gli ambiti possibili.

Impossibile, quindi, per me non guardare agli stilisti che hanno fatto la storia della borsa, impossibile non innamorarmi della moda rivisitandola secondo i miei gusti e il mio stile di vita… soprattutto nella ricerca di forme semplici ma funzionali,allegre e colorate per invogliare le donne ad allontanarsi da colori scontati come il nero e il grigio, capienti alla Mary Poppins: elementi indispensabili per stilisti come Bonnie Cashin fino ad arrivare all’uso del denim per dar vita alla borsa per tutti i giorni.

Da qui la voglia di mettermi in gioco ogni volta che mi si presenta l’occasione e provare a creare nuovi modelli o reinterpretare quelli che hanno fatto la storia non senza affrontare difficoltà tecniche e materiali tipiche di chi, come me, usa macchine da cucire familiari con i loro limiti e non trova sempre in commercio tutto quello che  può servire per perfezionare un accessorio.  Un’idea perfetta è quella di creare borse comode, capienti e personalizate utilizzando e riciclando i jeans dando così nuova vita ad uno dei migliori tessuti che sono stati inventati: il denim, creato in origine in Italia ed esportato attraverso il porto di Genova dove questo tipo di tela blu veniva usata per confezionare i sacchi per le vele delle navi, prendendo il nome di blue-jeans- dal termine blue de Genés ovvero blu di Genova e che, poi, gli americani- avendone constatato la robustezza- lo usarono per gli abiti da lavoro: da qui quello che divenne poi il famoso jeans!  Le borse di jeans ritornano ogni anno sugli scaffali dei negozi con la bella stagione, adattabili ad ogni abbigliamento, si rivelano casual o eleganti ma mai fuori moda anzi, sono sempre più ricercate le possibilità di assemblare il jeans con altri tessuti( dal cavallino sintetico al raso alla pelle).   Dalla borsa a mano si è passati alla variante con la tracolla grazie alla geniale Elsa Schiapparelli che, nel 1936, lanciò il secchiello con la cinghia da portare in spalla lasciando le libere le mani: questa è la forza di questa tipo di borsa che, a seconda della dimensione, può essere da giorno o da sera permettendoci così di fare molte cose insieme!  Ecco che oggi come adesso la moda si avvale della capacità di rivisitare il vecchio con un pizzico di eccentricità, dando vita a nuove idee:  una cosa che possiamo fare ciascuna di noi perche ciascuna di noi può creare la propria moda!

Ecco perchè nel momento in cui personalizziamo un accessorio che abbiamo creato esso diventa un simbolo identificativo che ci contradistingue!

Ecco che riciclare significa sostenere un’economia  a impatto zero a cui tutti dovremmo guardare riducendo costi e consumi non indifferenti!

Riciclare significa salvaguardare l’ambiente, significa rinnovare il sociale, significa poter riutilizzare materie che ancora possono dare molto mettendoci quel particolare tocco di unicità che rende inconfondibili gli oggetti realizzati.

Non per niente tecniche come il patchwork e il quilt sono nate proprio dall’esigenza di riutilizzare materiali di scarto creando veri e propri capolavori!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...